Institut für Ökologie und Aktions-Ethnologie
Header

Industria mineraria

Ricerca sull’industria mineraria Attualmente Infoe CH sta lavorando ad una pubblicazione sul tema “risorse del sottosuolo, imprese estrattive e popolazioni locali”. I capitoli del libro sono in gran parte redatti da studenti, frutto di un seminario di ricerca tenutosi all’Università di Berna durante il semestre autunnale 2011. Il libro presenterà casi specifici riguardanti Africa, Asia, Australia, Sudamerica e Centro America. Viene proposto uno studio comparativo delle strategie attuate per far fronte ai problemi sociali ed ecologici causati dall’industria mineraria. Punti focali dell’analisi sono il ruolo giocato dalle imprese multinazionali da un lato e dalle popolazioni locali dall’altro (come nello studio Infoe 12: “risorse fossili, imprese petrolifere e popolazioni indigene”). Il tema trattato è particolarmente pressante per la Svizzera, visto il boom registratosi nel settore delle materie prime negli ultimi anni. Imprese come Glencore e Xstrata sono attori importanti nell’estrazione di metalli e minerali, inoltre entrano in gioco le varie ditte che commerciano materie prime e banche svizzere in veste di finanziatrici. Dato che la Svizzera presenta una scarsa tradizione nell’industria mineraria, sono scarse pure le conoscenze in materia. Finora le conseguenze dell’attività estrattiva, spesso catastrofiche sia per l’uomo che per l’ambiente, hanno riscosso solo una limitata attenzione da parte dell’opinione pubblica, in quanto ad esserne colpite sono principalmente regioni poco conosciute del Sud del mondo. La recente intensificazione dei conflitti sociali in tali regioni rende tuttavia sempre più urgente una riflessione ed una discussione anche alle nostre latitudini. La pubblicazione fornisce conoscenze scientifiche relative all’estrazione di risorse dal sottosuolo nel Sud del mondo e alle conseguenze di quest’attività sulle popolazioni locali. Essa intende inoltre stimolare la discussione e la ricerca di soluzioni. Ulteriori informazioni: Multiwatch Diritto senza frontiere